placeholder
La ginecomastia consiste nell’aumento di volume delle ghiandole mammarie...
La ginecomastia consiste nell’aumento di volume delle ghiandole mammarie nell’uomo.  
 
La ginecomastia consiste nell’aumento di volume delle ghiandole mammarie nell’uomo. È molto frequente tra la popolazione maschile, il cui petto spesso viene anche interessato dall’accumulo di tessuto adiposo.
In base allo stadio di sviluppo della ginecomastia, ma anche alla causa dell’aumento di volume delle mammelle nell’uomo, che può essere dovuto a un accumulo di tessuto adiposo (pseudo ginecomastia) o a un aumento del tessuto ghiandolare (ginecomastia vera e propria), lo specialista, nel corso delle visite in fase preoperatoria, stabilirà quale tipo d’intervento e quale metodo sarà adatto a risolvere al meglio il problema del paziente.

Nei casi di ginecomastia di stadio inferiore, il trattamento Encurve garantisce ottimi risultati. In caso di pseudo ginecomastia (dove l’aumento di volume del petto maschile è dovuto a un accumulo di tessuto adiposo), s’interviene con un intervento chirurgico chiamato laserlipolisi che è poi un trattamento di liposcultura laser - assistito. Se, invece, la ginecomastia è dovuta a un aumento del tessuto ghiandolare (che, sovente, assume la forma di un disco palpabile sotto il capezzolo), allora s’interviene chirurgicamente praticando un’incisione a livello periareolare, ossia lungo il margine inferiore del capezzolo, e si estrae il tessuto in eccesso.

Grazie all’implementazione della tecnologia laser nella liposuzione (è noto infatti che, riscaldando i tessuti, s’induce il fenomeno della neocollagenesi e, dunque, un effetto lifting sulla pelle), in quasi tutti i casi di ginecomastia è possibile evitare l’incisione della regione mammaria. Grazie ai risultati conseguiti nella sua clinica, il prof. dott. mag. Žgaljardić viene spesso invitato come relatore e dimostratore in numerosi congressi e workshops in giro per il mondo (2014, Fort Lauderdale, Florida- 20th annual scientific meeting American Academy of cosmetic surgery, Kerala, India 2012- 1st International Cosmetic suregry symposium, Milano - Agora- 18. International Congress of Aestehtic Medicine, Kolkhida 10th international caucasian congress of plastic surgery and dermato-cosmetology …).

Il prof. dott. mag. Žgaljardić è anche l’autore di uno dei capitoli del Manuale internazionale di chirurgia estetica dal titolo “Liposcultura laser - assistita come metodo di modellamento del corpo”. 

Procedura


L’intervento in sé dura dai 60 ai 90 minuti, a seconda che il paziente venga sottoposto soltanto a lipolisi/liposuzione o se occorra rimuovere anche il “disco” di tessuto ghiandolare in eccesso. In caso di liposuzione, le incisioni d’ingresso sono minime (3-4 millimetri). In caso di rimozione del tessuto ghiandolare in eccesso (ginecomastia vera e propria), l’incisione viene praticata a livello periareolare, ossia lungo il margine inferiore del capezzolo, e, una volta rimarginata, diventa praticamente invisibile. Se viene praticata come intervento isolato, la ginecomastia può essere eseguita in anestesia locale. Se, invece, viene eseguita nell’ambito di altri interventi di liposuzione più ampi, allora viene eseguita in anestesia generale. 

Decorso postoperatorio


Dipende tutto dal tipo di anestesia impiegato. In caso di anestesia locale, dopo l’intervento si è liberi di andare a casa. In caso di anestesia generale, si resta in clinica dalle 5 alle 12 ore. Profilassi postoperatoria di routine: antibiotici e analgesici. I punti di sutura vanno tolti dopo 7-14 giorni. Tolto il cerotto, è possibile che si manifestino piccoli edemi e qualche ecchimosi, ma sono fenomeni passeggeri che svaniscono nell’arco di 14 giorni. In fase postoperatoria viene prescritto l’uso di una guaina compressiva che va tenuta minimo 3 settimane, almeno per tutta la durata del processo di neocollagenesi, ossia finché la pelle non avrà riacquistato la propria naturale tonicità.

In fase postoperatoria, a tutti i pazienti con problemi di atrofia cutanea viene consigliato di sottoporsi a trattamenti non invasivi come Alma o Encurve che danno maggiore tonicità alla pelle e migliorano la qualità della cute e dei tessuti subcutanei.  
 
Disclaimer: i risultati dei trattamenti sono individuali, ossia possono variare da caso a caso e dipendono dallo stato di salute del paziente e dalla sua predisposizione anatomica.